Il Progetto
     Metodi di rilevamento
     Specie target
     Carta dei rilevamenti
     La pagina dell'esperto
     Rassegna stampa
     Eventi
     Nuovo utente
     Login
 
     Visita

     Il Blog di FaunaViva

     per rimanere aggiornato
     sul Progetto

     
 
Colombaccio
Colombaccio
COLOMBACCIO

Ordine: Columbiformes
Famiglia: Columbidae
Nome scientifico: Columba palumbus

Carta d'identità

Dall'aspetto simile a un piccione, se ne distingue per le dimensioni più grandi (raggiunge i quaranta centimetri a dispetto dei trenta del piccione) e per la coda e per il collo più allungati, come si vede bene in volo. Il piumaggio in entrambi i sessi è grigio bluastro sulla parte superiore del corpo (dorso) e bruno rossiccio su quella inferiore (ventre). Segni caratteristici sono: due macchie bianche ai lati del collo, vicino a piume dai riflessi verdi metallici e purpurei, due bande bianche sul lato superiore dell'ala (visibili solo in volo) che ne separano la parte vicina al corpo (dello stesso grigio del dorso) dall'estremità grigia scura e una spessa banda scura all'apice della coda. Il becco, rosato con la punta giallognola, presenta un rigonfiamento chiaro membranoso.

Abitudini

Il colombaccio si nutre sul terreno soprattutto di sostanze vegetali, occasionalmente di piccoli invertebrati; parte del cibo assunto viene conservato nel gozzo e utilizzato durante la notte. Gli individui di questa specie possono mischiarsi a gruppi di piccioni.
Il suo ambiente ideale è costituito da boschi sia di latifoglie sia di conifere, ma il Colombaccio non disdegna anche la città, dove nidifica nei parchi e nelle aree verdi.
È possibile osservare gli individui di questa specie nutrirsi a terra sui campi o negli ambienti aperti o udirne il canto, emesso dalla chioma degli alberi. Questo ricorda il tubare dei piccioni, ma è più rauco e molto più potente, potendosi propagare anche per alcune centinaia di metri.
In Italia è migratore regolare e nidificante su tutto il territorio. Il nido, poco elaborato e costruito con rami intrecciati, è solitamente posizionato su alberi o siepi e, occasionalmente, anche su edifici Durante l'inverno e nel periodo di migrazione, il colombaccio si riunisce in grossi stormi, visibili in volo o mentre frequentano le zone aperte per alimentarsi.