Il Progetto
     Metodi di rilevamento
     Specie target
     Carta dei rilevamenti
     La pagina dell'esperto
     Rassegna stampa
     Eventi
     Nuovo utente
     Login
 
     Visita

     Il Blog di FaunaViva

     per rimanere aggiornato
     sul Progetto

     
 
Gheppio
Maschio di Gheppio
GHEPPIO

Ordine: Falconiformes
Famiglia: Falconidae
Nome scientifico: Falco tinnunculus

Carta d'identità

Rapace di piccola taglia, è lungo 34 centimetri per un peso di 240 grammi. Dal caratteristico aspetto bicolore, il maschio si presenta con la calotta e la coda grigio azzurre, il dorso rossiccio punteggiato di scuro. La femmina è rossiccia con il dorso macchiettato e la coda barrata di bruno. I giovani sono simili alla femmina ma barrati sotto e con larghe strisce sopra. Il becco e la base delle zampe sono grigio bluastre, giallo vive nell'adulto. La coda è lunga e arrotondata, le ali sono allungate, con le estremità appuntite.

Abitudini

Ubiquitario, si trova in tutti gli ambienti di pianura. Nella pianura lombarda è il rapace che si osserva più facilmente in città e nelle aree agricole.
Il volo è rapido e battuto. Caratteristica è la posizione a "spirito santo", in cui il gheppio si libra nell'aria rimanendo perpendicolare al suolo, con la coda aperta a ventaglio, immobile ad eccezione del rapido battere delle ali, tanto da dare l'impressione di essere sospeso ad un filo. Da questa posizione poi si lancia rapidamente in picchiata sulle prede che ha avvistato. La specie caccia in ambienti aperti e anche al centro delle città, dove si nutre di principalmente di passeri, delle covate o di topi. La dieta a volte è integrata con lucertole, lumache o insetti.
Il gheppio si riproduce effettuando una sola covata all'anno. È il maschio che sceglie il luogo in cui nidificare, in una piccola depressione all'interno di edifici monumentali (chiese, torri o castelli), utilizzando anche vecchi nidi di corvidi, pareti rocciose o cavità in manufatti, anche in grandi edifici come la Stazione Centrale di Milano. La femmina depone da 3 a 6 uova.
Il suo verso è squillante e acuto; il nome latino della specie deriva proprio da questo suono caratteristico, udibile anche a distanza. In presenza di giovani ancora al nido o appena involati, le famiglie di Gheppio sono spesso molto "chiassose", continuando ad emettere richiami tra giovani ed adulti.