Il Progetto
     Metodi di rilevamento
     Specie target
     Carta dei rilevamenti
     La pagina dell'esperto
     Rassegna stampa
     Eventi
     Nuovo utente
     Login
 
     Visita

     Il Blog di FaunaViva

     per rimanere aggiornato
     sul Progetto

     
 
Maschio di Fringuello
FRINGUELLO

Ordine: Passeriformes
Famiglia: Fringillidae
Nome scientifico: Fringilla coelebs

Carta d'identità

Delle dimensioni di un passero, ha il corpo lungo 15 centimetri e un peso di circa 20 grammi. I due sessi hanno colorazioni differenti (dimorfismo sessuale): il maschio, più colorato, presenta una colorazione blu-grigiastra sulla parte superiore della testa e sulla nuca, la fronte nera, la parte del petto rosso-bruna e il groppone verdastro. Le spalle sono bianche e le ali nere presentano due bande orizzontali bianche. La coda, anch'essa nera, presenta le penne (timoniere) esterne bianche. La femmina è di un colore più smorto: olivo-marrone sulla parte superiore (dorso) e chiara sulla parte inferiore (ventre), grigia sulla nuca e sulla parte superiore del capo. Come il maschio, la femmina presenta una macchia bianca sulle spalle e le due bande orizzontali bianche sulle ali; queste caratteristiche aiutano a riconoscere la specie anche quando è in volo.
Il becco massiccio ma appuntito è di colore grigio-nero. Le zampe sono nere.

Abitudini

Il Fringuello è tipico delle zone di bosco, sia di latifoglie, sia di conifere, aperte e assolate; si può trovare anche nelle siepi formate da alberi o arbusti, tra i filari e nei parchi e nei giardini urbani; nel periodo invernale la specie diventa gregaria, associata anche ad altre specie e si trova anche nelle zone di coltivo, dove si muove alla ricerca del nutrimento.
Il Fringuello nidifica sugli alberi, dove la femmina costruisce un nido a coppa sulla biforcazione dei rami. Il nido, ben rifinito, è formato da un intreccio di muschio, piume e fili d'erba, in cui vengono deposte da 3 a 6 uova. Le covate possono essere da una a due all'anno.
La specie si nutre soprattutto di vegetali, come si vede dal becco massiccio, mangiando semi, frutti e bacche; nel periodo riproduttivo la dieta viene integrata anche con ragni e insetti.
Il canto caratteristico viene emesso dalle cime degli alberi o da altri punti sopraelevati.