Il Progetto
     Metodi di rilevamento
     Specie target
     Carta dei rilevamenti
     La pagina dell'esperto
     Rassegna stampa
     Eventi
     Nuovo utente
     Login
 
     Visita

     Il Blog di FaunaViva

     per rimanere aggiornato
     sul Progetto

     
 
Storno
Storno
STORNO

Ordine: Passeriformes
Famiglia: Sturnidae
Nome scientifico: Sturnus vulgaris

Carta d'identità

Uccello di medie dimensioni, è un po' più piccolo di un merlo, essendo lungo 21 centimetri per un peso di circa 75 grammi. Il piumaggio è nero con fitte macchie chiare, particolarmente accentuate in inverno, e con riflessi metallici bronzei, verdi e porpora, evidenti soprattutto in estate. La coda è corta, il becco, lungo e appuntito, è giallo limone in primavera e scuro in inverno.
La specie si potrebbe confondere con il merlo, che però è un uccello di maggiori dimensioni; si distinguono per la coda corta e per il modo di muoversi dello storno, che sembra una vera e propria "camminata" associata a movimenti del collo (il merlo saltella).
I giovani hanno colorazione grigia.

Abitudini

Uccello gregario, lo storno vive in stormi densi e rumorosi, in particolare a fine estate e in inverno, formando dense nuvole in volo e sostando in dormitori, composti anche da milioni di individui, sia in città sia in canneti o boschetti. Il volo è veloce con frequenti planate, in cui appare evidente la forma triangolare delle ali.
La specie frequenta le campagne coltivate, i boschi non troppo densi, i parchi e i giardini.
Lo storno segnala il proprio territorio emettendo i canti dalla cima di alberi o di antenne, agitando in modo frenetico le ali. Specie vivace e rumorosa, ha un canto che è un lungo chiacchiericcio emesso a becco aperto, con la gola gonfia e le piume irte e le ali allargate. Imita spesso i canti di altre specie.
Nidifica in buchi degli alberi, lasciati dai picchi o sotto le tegole o in altri fabbricati, predisponendo il nido a coppa con foglie e steli, guarnito con piume e muschio. La femmina depone a partire da aprile da 4 a 7 uova, producendo una o due covate.
Insettivoro in primavera, lo storno ha una dieta onnivora in autunno e in inverno, nutrendosi di frutti, semi germogli e bacche e piccoli animali.